Il POST di Ines Libondi
PDF Stampa E-mail
Lunedì 14 Giugno 2021 16:09

L’appello: stop A/Zeneca e Janssen sotto i 60 anni. Giovani a rischio

 

 

 

di Chiara Circe

 

 

 

IMG_20210614_005130.jpgNemmeno davanti all’assurda e morte di una ragazza di 18 anni e di un uomo di 54 per trombosi rara associata al deficit di piastrine detta Vitt indotta dal vaccino Astrazeneca e anche dal Janssen (Johnson & Johnson) il Comitato tecnico scientifico è tornato decisamente sui propri passi con un definitivo stop alle vaccinazioni con i due sieri a vettore virale (che iniettano in sostanza un po’ di covid). Nonostante lo scontro tra gli scienziati del Comitato tecnico scientifico, la decisione finale resta sempre la stessa: i due vaccini <si raccomandano> a chi ha più di sessant’anni, ma non vengono fermati decisamente per i ragazzi dai 18 anni in su. Neppure di fronte all’aumento dell’incidenza delle trombosi sui giovani anche nei dati inglesi (da un caso ogni centomila si è arrivati a 1,8 nell’ultimo report relativo alla popolazione vaccinata tra i 18 e i 49 anni) e alle ultime raccomandazioni dell’autorità regolatoria europea, Ema, che insiste sulla direttiva che prevede questi due vaccini somministrati agli ultrasessantenni e basta (come detto fin dall’inizio). Niente da fare: governo e scienza medica italiana continuano a far finta di niente, come se le persone fossero carne da macello. O quasi. Pur di liberarsi delle dosi ormai comprate e di esibire come trofei i numeri delle vaccinazioni.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Domenica 06 Giugno 2021 11:51

La buona idea di Letta: ci vuole la tassa di successione per milionari

 

 

 

Risultato immagine per foto enrico lettaAlla fine c’è arrivato perfino Enrico Letta, l’algido segretario del Pd. Basterebbe, sostiene, tassare la successione dell’1% dei ricchi milionari e miliardari italiani per raggranellare un po’ di soldi pubblici (circa diecimila euro a testa) da destinare ai  18enni più disagiati per aiutarli negli studi, nella formazione o avviare una propria attività. Stiamo parlando di un 5% del patrimonio ereditato che superi i 5 milioni di euro. Per costoro sarebbe un’inezia, per le casse dello Stato un po’ di carburante per sostenere i poveri. Non ci sarebbe niente di male, né di penalizzante per la proprietà privata. Una sorta di solidarietà consapevole da parte di chi ha troppo per sé e le generazioni a seguire verso chi stenta ad affermarsi per mancanza di risorse.  E’ una tassa, che niente avrebbe a che fare con la patrimoniale, che esiste in Francia (dove la tassa di successione è progressiva e arriva fino al 47% per i patrimoni più alti) , in Germania, perfino in Giappone e nessuno strilla allo scandalo. Eppure.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Domenica 06 Giugno 2021 11:47

Biden ferma le trivelle in Alaska, schiaffo finto green di Draghi

 

 

 

Risultato immagine per foto bidenIl governo verde di Draghi scolorisce nel nero del petrolio di fronte allo yankee Jo Biden. Mentre la finta economia green della transizione ecologica di Stefano Cingolani concede ancora tre anni ai signori dei combustibili fossili per trivellare a caccia di nuovo oro nero, il presidente Usa, dello Stato, cioè, che lo sfruttamento petrolifero e l’inquinamento ambientale li ha inventati, sospende le concessioni di trivellazione in Alaska, dopo aver fermato le sovvenzioni. Lo ha fatto per tutelare la natura di quell’area di incomparabile bellezza e andare avanti nell’impegno, concreto, per ridurre le emissioni e difendere l’ambiente. Per dire la differenza tra un uomo serio e i nostrani “quà quàraquà” di Sciascia ne “Il giorno della civetta”.

 
PDF Stampa E-mail
Domenica 06 Giugno 2021 11:42

Condanne Ilva, oltre 20 anni ai Riva. Si aspetta con ansia l’Appello

 

 

di Gi.Co.

 

 

 

Risultato immagine per foto ilvaLe condanne sono state pesantissime, ma per i cittadini di Taranto che hanno visto morire figli, genitori, amici e familiari per i veleni di quella fabbrica, contano fino a un certo punto. Sapere che pende sul capo dei fratelli Riva e altri 24 tra dirigenti, funzionari pubblici, politici, la galera è una soddisfazione a metà. I giudici (tutte donne) della Corte di Assise di Taranto hanno inflitto 280 anni di carcere complessivi a tutti coloro che consapevolmente, per avidità e menefreghismo, hanno avvelenato la città con i fumi carichi di diossina e piombo facendo tante vittime anche tra bambini e ragazzi come è stato dimostrato dalle perizie sanitarie, contaminando le acque del mare, pesci e molluschi e tutti i terreni agricoli dove brucano pecore e mucche da latte. Uno scempio ambientale e assassino che è stato riconosciuto dopo quindici anni di battaglie di comitati e cittadini di Taranto colpiti duramente negli affetti per i morti di tumori e malattie polmonari incurabili.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Maggio 2021 12:33

CO2, inceneritori e magari nucleare: il piano green (?) di Draghi 

 

 

di Rocky

 

 

Risultato immagine per foto trivelleIl dubbio che la “rivoluzione verde” del governo Draghi nelle mani del “grillino” Stefano Cingolani sia davvero tale ci sta tutto. Lo ha avanzato con dovizia di ragionamenti Gianni Barbacetto (<Nel governo Draghi un grande equivoco verde>) e sarà difficile dargli torto stando, almeno, ai fatti. Restando incomprensibile come abbia fatto Beppe Grillo a spingere per la nomina di un personaggio dai meriti non proprio “verdi” a ministro della Transizione ecologica (qualcuno avanza l’idea dell’equivoco nominale, dato che la generica parola “transizione” si può intendere in ogni senso, anche verso il peggio), i programmi che Cingolani ha diffuso per usare i soldi europei sono sempre lo stesso favore ai grandi gruppi del petrolio e del gas con novità ancora più inquietanti: il ritorno del nucleare e degli inceneritori, da mettersi quasi quasi in giardino.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 245