PDF Stampa E-mail
Martedì 13 Luglio 2021 19:24

L’Italia trionfa agli Europei di calcio. E Draghi si butta nella festa

 

 


In.We.

 

 


Azzurri sul pullman festa per le vie di Roma | Metro NewsI festeggiamenti continuano e dureranno a lungo, negli anni a venire. All’indomani del memorabile incontro tra Italia e Inghilterra a Wembley, giornali e tv hanno dedicato e dedicano pagine e pagine, ore e ore di tg, alla vittoria della Nazionale italiana, come se nient’altro fosse più importante. Grazie a un rigore, parato dal portiere degno erede di Zoff  Gigio Donnarumma. E’ stato soltanto questo gol, diciamolo, arrivato dopo i tempi supplementari finiti sempre sull1-1, calciato peraltro malissimo, debole e centrale dall’attaccante inglese Rumshford, a consegnare la coppa di campioni europei di calcio nelle mani del capitano della nazionale italiana Giorgio Chiellini. Così dopo una partita non bellissima, di pari forza come il misero 1-1 dimostra e dopo 56 anni di tentativi falliti, la squadra allenata da Roberto Mancini fa tornare la coppa europea in Italia, in un tripudio di gioia incontenibile per i tifosi del calcio. E non solo.

 

Incurante di ogni regola di precauzione anti contagio anche qui, come a Londra, dove la partita si è giocata, la squadra ha fatto il suo bagno di folla urlante al ritorno a Roma, sfilando anche per la città dopo essere stata ricevuta dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha esaltato la loro impresa, insieme a quella di Matteo Berrettini, il tennista italiano arrivato in finale a Wimbledon, dove è stato poi stracciato inevitabilmente dal solito, imbattibile, serbo Novak Dokovic.


Come prevedibile anche il presidente del Consiglio non voleva essere da meno e si è buttato nella mischia, senza mascherina e ammassandosi con i giocatori, per tributare l’omaggio alla squadra di eroi del pallone, non sottraendosi (anzi!) alla foto storica che verrà usata dai giornali compiacenti nei secoli a venire, in un prevedibile intento di usare la vittoria calcistica per la propaganda di se stesso e del suo governo. <Avete portato l’Italia al centro dell’Europa>, ha dichiarato trionfante rivolgendosi alla Nazionale di Calcio. Giusto. Fosse per lui, campa cavallo.