Il POST di Ines Libondi
PDF Stampa E-mail
Sabato 30 Aprile 2011 12:00

Bullismo e divismo, ragazzi a rischio

 

Un fenomeno emerso di recente come segno di un malessere “sofferto”dalla famiglia dei nostri giorni

 

di Francesca Latte*


 

<Suo figlio è disinibito, parla troppo, è aggressivo, violento, volgare>.Molto spesso un insegnante usa que ste parole di fronte a genitori allibiti, convocati per il comportamento a scuola del figlio o della figlia. Sono le frasi  classiche che definiscono il bulletto della classe, rampollo spesso di buona famiglia, con il quale è difficile anche per il corpo docente, trovare una via d’uscita educativa necessaria perché un iniziale stato di “semplice” maleducazione non si trasformi, se non adeguatamente controllato, in esplosioni di violenza che a volte sfociano in tragedia, come nel caso, non isolato, del giovane accoltellato a scuola dal bullo di quartiere, in un liceo romano. Il fenomeno cosiddetto del bullismo giovanile nei ragazzi (per le ragazze si parla di “divismo” ) è emerso di recente come segno di un malessere più esteso e complesso “sofferto” dalla famiglia dei nostri giorni. Bulli non si nasce, si diventa. E i primi segnali si manifestano proprio all’interno delle dinamiche familiari.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Marzo 2011 12:00

Il dubbio e la colpa

di Agnese Blondì


 

Chissà se e quante volte la mamma delle due gemelline scomparse prima – o dopo – il suicidio del papà, il cittadino svizzero morto a Cerignola buttandosi sotto un treno, ha pensato: è anche colpa mia. Chissà se e quante volte, quella donna ora distrutta dal dolore per la perdita delle sue bambine si tormenta l'anima con un dubbio: forse non dovevo negare al loro papà il diritto all'affidamento congiunto delle figlie, dovevo ascoltare il suo bisogno di veder riconosciuto il diritto a una piena paternità. Se fossi stata meno dura con lui, se avessi evitato di umiliarlo togliendogli anche la dignità di padre, forse non sarebbe successo quel che è successo.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Marzo 2011 12:00

Figli della vendetta

di Alessia Camplone

 

 

Contesi. Come fossero un servizio d’argenteria o un mobile d’antiquariato. Contesi per rivalsa, per puntiglio o per dispetto. Sono i figli dei divorzi e delle separazioni. Figli contesi, appunto. Prima voluti a non si sa quale prezzo, desiderati, coccolati e magari anche viziati, e poi strumentalizzati e sfruttati nelle faide tra mamma e papà. Portati sul campo di battaglia, in una battaglia che non è la loro. Usati come fendente o arma di difesa, loro che, invece, dovrebbero solo essere difesi.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 11 Marzo 2011 12:00

Per favore, l'unghia incarnita no

di Agnese Blondì

 

 

C'è la Giornata mondiale della pace e c'è quella della gioventù; c'è quella dei bambini e quella dell'acqua. Si celebrano in giorni stabiliti, ogni anno, il libro, il teatro, la Terra, l'Ambiente, i diritti umani, la Memoria dell'Olocausto, la lotta all'Aids. C'è anche la Giornata mondiale del gatto o quella della Lentezza o, ancora, degli Ufo, intesi come oggetti volanti non identificati. E c'è pure quella, vomitevole e scandalosa, dedicata ai pedofili.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Sabato 21 Maggio 2011 12:12

Natalità, segnali di ripresa

di Paolo Rosati*

e Stefania Triunfo*


 

La natalità in Italia sta evidenziando in questi ultimi anni segnali di ripresa e ciò non più solamente legato al contributo della popolazione extracomunitaria. Tutto ciò fa affiorare vecchie ed in parte ancora irrisolte prob lematiche gestionali che si vanno ad affiancare ad una serie di altre difficoltà che la nostra sanità dovrebbe avere la forza di affrontare con una visione ed uno slancio del tutto nuovo ponendo sempre più attenzione da una parte alle esigenze del cittadino come fruitore di servizi pubblici di sempre più elevato livello, dall’altra alle enormi esborsi economici che l’erogazione di tali servizi comporta, senza trascurare il lato umano e professionale che ha sempre contraddistinto la figura del sanitario. Purtroppo talora le esigenze economico-sanitarie sembrano avere il sopravvento o comunque svolgere un ruolo importante nel condizionare il management sanitario.

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 Succ. > Fine >>

Pagina 249 di 250